Agenda:

24 septembrie

V. Ghika: un laïc au service des pauvres...

Conferință (în lb. franceză)

Invitat: Mgr Philippe Brizard

Espace Bernanos, Paris

ora 19.00

 

25 septembrie

Mgr Vladimir Ghika, prêtre et martyr...

Conférence (en français)

par Monica Broșteanu

Centre St Pierre– St André de Bucarest

à 20h

 

29 settembre

Santa Messa di ringraziamento

Chiesa S. Teresa a Villejuif (Francia)

ore 9.30

 

6 ottobre

Santa Messa di ringraziamento

Cattedrale Notre-Dame di Parigi (Francia)

ore 18.30 

 

7 ottombre

 

90 anni dall`ordinazione di mons. Ghika

Notizie:
Ne gasiti pe:
Flickr Youtube Facebook

Biografia

Vladimir Ghika è nato il 25 dicembre 1873 a Costantinopoli, in una famiglia romena di stirpe reale. Dopo gli studi in Francia e in Romania, ha conseguito la licenza in filosofia e poi il dottorato in teologia presso il Collegio Santo Tomaso di Roma. Nel 1902 è entrato a far parte della Chiesa Cattolica sotto la guida dei domenicani di Santa Sabina sul colle Aventino, a Roma. È rimasto sempre molto ecumenico e ha lavorato tutta la sua vita per l’unità dei cristiani.
Vladimir si è messo al servizio dei più poveri e afflitti e ha portato le Figlie della Carità in Romania. Nel 1911 si è impegnato per aiutare i terremotati di Avezzano.
Il 1923 è stato l’anno in cui venne ordinato sacerdote per la diocesi di Parigi e la sua missione sacerdotale avrà sin dall’inizio una dimensione universale.
Ulteriormente, riceverà dal Santo Padre la nomina di protonotario apostolico e membro del comitato direttore dei Congressi Eucaristici. In questo modo ha portato su tutti i meridiani del mondo la sua testimonianza di fede e di carità.
Nel 1939 è rientrato in Romania e ha scelto di rimanere nel Paese quando ha capito che stavano per arrivare tempi di sofferenza per i suoi connazionali. Nel 1952 è stato arrestato e condannato perché si era impegnato a salvare la Chiesa Cattolica in Romania che era in pericolo di rompere i legami con Roma. In prigione ha offerto assistenza a tutti, come un vero padre. Purtroppo, a causa dei maltrattamenti, il 16 maggio 1954 consegnerà la sua anima nelle mani del Padre celeste, come Gesù sulla croce.